ALERT: Servizio scolastico della Providence colpito. Dettagli >>

FINE DELLA LINEA: I binari che hanno plasmato il nostro sobborgo di tram RI

8 Novembre 2022

Comunicati stampa

Documentario sul transito storico indipendente Presentato sul sito web RIPTA

Il film racconta la crescita di Edgewood in Cranston all'inizio del secolo

Providence, Rhode Island, 8 novembre 2022 – Quando i residenti che vivono lungo Narragansett Boulevard a Cranston hanno chiesto alla città di riparare le buche che affliggevano la loro strada diversi anni fa, non sapevano che i lavori stradali che ne sarebbero derivati ​​avrebbero portato alla luce un capitolo della storia del trasporto pubblico. Si è scoperto che la strada era soggetta a buche perché sotto il marciapiede c'era mezzo miglio di binari d'acciaio che un tempo trasportavano la linea del tram Eddy Street-Edgewood, un collegamento che ha stimolato la crescita del popolare quartiere residenziale di Edgewood.

La storia è raccontata in un film indipendente, chiamato FINE DELLA LINEA: I binari che hanno plasmato il nostro sobborgo di tram RI, che è presente sulla homepage del sito web della Rhode Island Public Transit Authority (RIPTA) all'indirizzo www.ripta.com/endoftheline. RIPTA non è affiliato al film creato dal regista e antropologo David A. Goldenberg.

"Questo documentario offre uno sguardo perspicace e coinvolgente su come i tram e i tram hanno plasmato la crescita del quartiere di Edgewood e ricorda che i trasporti pubblici svolgono ancora un ruolo chiave nel luogo in cui le persone scelgono di vivere e dove le imprese possono prosperare nel nostro Stato", ha affermato Scott Avedisian, amministratore delegato di RIPTA. "Contiene anche molti dettagli divertenti della vita nel Rhode Island all'inizio del secolo." 

Goldenberg, che vive a Edgewood lungo la vecchia linea del tram, ha detto che il progetto è stato un lavoro d'amore avvenuto per caso. Ha realizzato dozzine di documentari ma non era necessariamente alla ricerca di un nuovo progetto quando ha spiato i binari nelle buche che facevano tremare il traffico quando passava davanti a casa sua. “In una riunione della comunità in cui i funzionari della città hanno annunciato l'intenzione di ripavimentare il Boulevard, mi sono reso conto che non erano nemmeno a conoscenza della presenza dei binari, ma li ho convinti a rimuoverli. Ciò ha acceso la mia curiosità sulla loro origine". 

Goldenberg ha cercato immagini e documenti in fonti di dati nazionali e regionali e stima che ci sia voluto circa un anno e mezzo per finire il film, il che è divertente oltre che informativo. Le risorse chiave erano le pubblicazioni e le raccolte del professor D. Scott Molloy dell'URI e il film presenta fotografie storiche, vecchi orari dei trasporti, tabelle delle tariffe, estratti dalle guide dei carrelli del 1890 e persino canzoni di inizio secolo scritte sui carrelli. Il film è stato semifinalista al RI International Film Festival 2022.

Goldenberg, che ha definito il progetto un lavoro d'amore, dice di apprezzare il fatto che il film "mostra come un quartiere popolare che amiamo sia stato creato dalla costruzione di diverse linee di tram". Allo stesso tempo, dà anche un assaggio di com'era la vita allora, ha detto, osservando che la ricerca "ha davvero rivelato il linguaggio e le stranezze del periodo". Trovò anche affascinante considerare che se avesse vissuto a casa sua nel 1908, ogni mattina il tram sarebbe partito proprio di fronte alle 5:42, avrebbe corso ogni dieci minuti per la maggior parte della giornata e sarebbe arrivato per la sua corsa finale alle 2:12.

Le stranezze includono una guida di viaggio in tram completamente dettagliata, scritta da Marianna M. Tallman, che avverte severamente i passeggeri di apporre saldamente i cappelli o rischiare di perderli a causa di un forte vento o di una brusca fermata dell'ingegnere. Include anche documenti di sicurezza che raccontano i pericoli delle auto all'aperto, inclusa la storia di un passeggero maschio che ha cercato di buttare via il mozzicone di un sigaro solo per colpire un albero con le nocche e ha bisogno dell'assistenza di un medico locale.

Il film inizia a metà del 1800, quando Edgewood era in gran parte sottosviluppato: circa 50 case in una zona costiera bassa con un collegamento a Providence fornito da un tram trainato da cavalli che percorreva Broad Street. La corsa da Market Square a Providence a Edgewood, con la sua famosa sala da ballo a Rhodes-on-the-Pawtuxet, è durata circa 50 minuti. L'area era in gran parte considerata un'area ricreativa a causa del suo litorale, di due yacht club e delle gite in barca sul fiume Pawtuxet. 

Tutto cambiò intorno al 1892 quando la linea Broad Street fu elettrificata e Edgewood iniziò ad attirare l'attenzione come un'interessante opzione suburbana con un comodo transito per il pendolarismo. L'interesse per l'area, che alla fine fu popolata da case grandi e graziose, si intensificò nel 1896 quando la linea del tram Eddy Street-Edgewood iniziò a correre lungo Narragansett Boulevard.

Goldenberg ricorda di aver visto le squadre di lavoro lottare per estrarre i vecchi binari da sotto il viale e di averli sentiti descriverlo come il materiale più duro che abbiano mai dovuto tagliare. Ha chiesto loro alcuni pezzi e poi ha chiesto all'artista della Provvidenza David Karoff di creare una scultura da esso. Negli ultimi mesi ha collaborato con l'Edgewood Waterfront Preservation Association (EWPA) e il muratore di Cranston City, Dennis F. Conte, per creare una base in muratura per la scultura in modo che possa essere eretta all'angolo di Narragansett Boulevard e Sefton Drive - il "capolinea" della vecchia linea Eddy Street-Edgewood. Accanto alla scultura ci sarà un indicatore storico che spiegherà le radici e i percorsi del carrello di Edgewood e fornirà un collegamento al film.

Nelle prossime settimane si terrà una cerimonia di inaugurazione pubblica. Nel frattempo, le persone possono godersi il film e scoprire come le loro strade cittadine lastricate a misura di auto nascondono l'impronta di un sistema di tram di molto tempo fa che ha plasmato il luogo in cui vivono oggi.

"Chiaramente, il trasporto di massa elettrificato ha trasformato quest'area", ha affermato Barbara Rubine, presidente dell'EWPA.  "Quello che era un mix di fattorie e destinazioni turistiche è diventato una vivace comunità di pendolari della classe medio-alta".

Condividi via
Copia link